Animali che vanno in letargo: dall'orso al riccio
Natura

Animali che vanno in letargo

Quali animali vanno in letargo durante il periodo invernale?

    Animali che vanno in letargo

    L’ibernazione è un processo molto interessante e complesso che merita la nostra attenzione e le nostre osservazioni. In ibernazione, gli animali vivono, per lo più in climi temperati (estati calde e inverni freddi). Per molti animali, il letargo è l’unico modo per sopravvivere durante l’inverno gelido, poiché in questo momento è molto difficile per loro procurarsi da mangiare. Durante il letargo (o ibernazione), l’animale rallenta i processi dell’attività vitale e il metabolismo, così come il ritmo cardiaco e respiratorio. L’animale inizia a prepararsi per il letargo pochi mesi prima dell’inizio del freddo. Prima del letargo, accumula grasso per sopravvivere a questo periodo difficile. C’è anche stupore e anabiosi, caratterizzati da un sonno più sano e un rallentamento ancora maggiore nei processi interni.

    Orso

    In primo luogo in questa classifica è, naturalmente, l’orso ben noto. Tuttavia, risulta che solo tre specie di orsi ibernano (marrone, nero e himalayano). Il resto degli orsi (compresi gli orsi bianchi) non ibernano. Il sonno dell’orso non è forte come quello degli altri animali in letargo. L’orso dorme sensibilmente e superficialmente. La temperatura corporea praticamente non diminuisce e tutti i processi interni funzionano nel solito ritmo. Tuttavia, non è consigliabile svegliare un orso in letargo. L’orso risvegliato è molto aggressivo, arrabbiato e pericoloso. Spesso, l’orso vaga semplicemente attraverso la foresta, usando la sua energia accumulata prima dell’inverno e perdendo le sue riserve di grasso. Tali orsi sono chiamati “verghe”. Durante il letargo, un orso può perdere fino a metà del proprio peso. — Forse il ghiro più famoso del mondo dei mammiferi. A rigor di termini, gli orsi bruni non vanno in letargo, più come la morte, ma sprofondano nel profondo sonno invernale. La temperatura corporea dell’orso diminuisce leggermente, l’orso gira e l’orso si sveglia persino per dare alla luce i cuccioli. Per questo motivo, anche se i processi biologici rallentano notevolmente, il metabolismo si verifica e, di conseguenza, vengono generati rifiuti. In una situazione normale, questo non è un problema, ma non nelle condizioni di una tana ammaccata e isolata dal mondo, in cui è necessario mantenere la pulizia. Recenti studi hanno dimostrato che gli orsi bruni hanno trovato un modo brillante di uscire dalla situazione, avendo sviluppato un meccanismo di ritrattamento. L’urea dalla vescica rientra nel flusso sanguigno e ritorna nell’intestino, dove viene convertita in ammoniaca, che è già usato nel fegato per formare amminoacidi – la base delle proteine. Buon supporto per uno spesso strato di grasso, che si nutre in preparazione per l’inverno.

     Ricci

    I ricci non fanno scorte per l’inverno, dato che si nutrono principalmente di insetti. Pertanto, devono fare scorta di grasso nella stagione estiva e dormire in inverno. Entro l’inverno (ottobre), i ricci si ingrassano e si mettono in letargo, rifugiandosi in fitti cespugli, depressioni del suolo coperte di foglie cadute, tra il sottobosco della foresta. Il riccio si sveglia solo con la cessazione delle gelate. — I ricci della foresta ordinaria vanno in letargo solo in luoghi con un clima rigido. Allo stesso tempo, se il letargo delle femmine dipende dalla temperatura dell’aria e dalla disponibilità di cibo, come gli altri animali, i maschi sono più sensibili al livello di testosterone nel sangue. Una diminuzione del livello di questo ormone provoca l’ibernazione e un aumento – un ritorno allo stato attivo. Allo stesso tempo, i livelli di testosterone nei ricci sono legati ai livelli di melatonina e, a loro volta, dipende dalla durata delle ore diurne. Tuttavia, non è ancora del tutto chiaro come i ricci, essendo profondi sotto terra, valutino la situazione in superficie: giorno luce, temperatura ambiente e disponibilità di cibo. Forse è per questo che fanno delle pause in letargo.

    Bombi

    I bombi voluminosi e importanti ronzano le api nel loro modo di vivere, anche se con alcune differenze. Vivono in famiglie numerose, guidate dall’utero, che è responsabile della produzione di prole. Tutti i bombi vivono solo un’estate, morendo in autunno, ad eccezione delle giovani regine, che, dopo aver incontrato il maschio, vanno in letargo per tutto l’inverno. In primavera danno vita a una nuova colonia: femmine lavoratrici, maschi e giovani api regine, e in autunno muoiono con i loro sudditi. L’anno successivo, il ciclo si ripete di nuovo.

    Marmotta alpina

    “Dorme come una marmotta” – parlano di un uomo che dorme velocemente. Questo è sia vero che sbagliato allo stesso tempo. La marmotta appartiene davvero a quegli animali che preferiscono aspettare l’inverno, immergendosi in sogni d’oro. L’ibernazione dura da sei a sette mesi, durante i quali la marmotta non mangia né beve, facendo solo con riserve interne accumulate durante l’estate. Le marmotte svernano nelle tane con tutta la famiglia: al centro, dove saranno più calde, i giovani si addormentano e intorno a loro si trovano animali adulti. Di solito, le marmotte si svegliano alla stessa ora ogni due settimane per ripulirsi, e si addormentano di nuovo contemporaneamente. Ma se fa molto freddo, gli animali si svegliano fuori programma per aumentare la temperatura dell’aria nella buca con il calore dei loro corpi. — In inverno, le rane della foresta che vivono in Canada e nel nord degli Stati Uniti assomigliano più a figurine scolpite dal diaspro colorato, coperte di pizzi con ghiaccio e neve. È difficile credere che torneranno in vita quando saranno riscaldati. La principale minaccia posta agli animali dal freddo è che il fluido nel corpo si trasforma in cristalli di ghiaccio che distruggono le cellule. Gli animali a sangue caldo risolvono il problema semplicemente mantenendo la temperatura corporea sopra gli 0 ° C, ma gli animali a sangue freddo hanno dovuto trasformarsi in veri e propri impianti chimici per la produzione di crioprotettori. Così, la rana foresta americana alla vigilia dell’inverno non solo aumenta il livello di urea nel sangue, che è noto per le sue proprietà antigelo, ma accumula anche il glicogeno nel fegato. Quando fa freddo, il glicogeno comincia a trasformarsi in glucosio. La rana è letteralmente impregnata di sciroppo di zucchero, che abbassa la temperatura di congelamento (come sapete, l’inceppamento non si blocca). Grazie a questi trucchi, il ghiaccio si forma solo attorno alle cellule, e non al loro interno, il che consente alle rane delle foreste di sopportare con successo le basse temperature.

    Rospo americano  American Forest Frog

    Questi piccoli anfibi che vivono nelle regioni aride del Nord America possono essere facilmente scambiati per rane ordinarie, se non per la straordinaria struttura degli arti. A differenza di altri animali che vanno in letargo in inverno, le pale trascorrono mesi caldi in sogni d’oro, quando tutti gli esseri viventi soffrono di mancanza di umidità. Si nascondono sotto terra, scavando in un terreno soffice sul fondo di stagni e ruscelli. A tal fine, nel processo di evoluzione, le pale acquistarono solide crescite sulle zampe, grazie alle quali divennero un eccellente strumento di lavoro, e gli stessi anfibi ricevettero il loro nome.

    Gopher

    I Gopher sono animali che possono ibernarsi per un tempo molto lungo, fino a 9 mesi l’anno. Dopo il risveglio, hanno spesso un breve periodo di attività vigorosa.

    Pipistrello

    Non tutti i pipistrelli sono in letargo. Dipende dal clima e dall’habitat. Se la temperatura nell’habitat dei pipistrelli scende sotto lo zero in inverno, o ibernano nelle caverne o in altre aree protette, o migrano verso i luoghi più caldi. L’ibernazione assomiglia a un sonno profondo, in cui il battito del cuore è appena percettibile, e la respirazione rallenta fino a inspirare ed espirare in 5 minuti. La temperatura del corpo animale attiva è 37-40 ° C, mentre in letargo, scende a 5 ° C.

    Groundhog

    Tutte le marmotte, indipendentemente dalla specie, vanno in letargo. Studi hanno dimostrato che le marmotte preferiscono le piante ricche di acidi grassi polinsaturi, la cui maggiore concentrazione nel tessuto adiposo degli animali dormienti li aiuta a sopportare temperature più basse durante il letargo. Entro la fine dell’estate, le marmotte accumulano fino a 800-1200 g di grasso, che è fino al 20-25% del loro peso. Durante il letargo, i processi vitali nelle marmotte quasi si congelano: la temperatura corporea scende da 36-38 a 4,6-7,6 ° C, la respirazione rallenta a 2-3 respiri al minuto invece dei normali 20-24, e il battito cardiaco – a 3-15 battiti al minuto invece di 88-140. In inverno, le marmotte non mangiano e quasi non si muovono, esistenti a spese delle riserve di grasso immagazzinato. Tuttavia, poiché il consumo di energia durante il letargo è basso, in primavera le marmotte spesso si svegliano piuttosto paffute, con un margine di 100-200 g di grasso.

    Tasso

    Per l’inverno, i tassi vanno a dormire. Proprio come gli orsi, non è quasi accompagnato da una diminuzione della temperatura corporea e da un rallentamento delle funzioni vitali di base. Con la caduta del tasso si accumulano riserve significative di grasso sottocutaneo, in modo che il suo peso aumenta quasi raddoppiato. Al momento della sua comparsa, il suo buco è già stato pulito, la camera di nidificazione è piena di lettiera fresca, le entrate del tasso, strisciano nel buco per l’ultima volta, gli zoccoli con terra e foglie. Se ci sono diversi animali in un “tasso” comune per l’inverno, tutti dormono in una camera di nidificazione separata. Gli animali cessano di apparire in superficie dopo la prima caduta di neve. In primavera, si risvegliano con l’inizio del disgelo nevoso attivo, quando la temperatura media giornaliera passa a zero. colibrì Colibrì – indubbiamente, il “migliore” tra gli uccelli. Gli uccelli più piccoli possono volare all’indietro e battere le ali così velocemente che fanno un ronzio, proprio come gli insetti. I colibrì si nutrono di nettare e piccoli insetti, che sono estratti, che si librano sopra il fiore come farfalle. Questi uccelli hanno un metabolismo veramente ad alta velocità: hanno bisogno di mangiare ogni 20 minuti. Di notte diventa impossibile, e per sopravvivere alla notte, i colibrì non si addormentano, ma cadono in uno stato di animazione sospesa: la temperatura corporea scende da 42 ° C a 16 ° C, il cuore batte ad una frequenza di 20 battiti al minuto invece di 500. Vita in il piccolo corpo si congela per rinascere con i primi raggi del sole.

    Echidna

    L’echidna australiana è poco adatta non solo al freddo, ma anche al calore, poiché non ha ghiandole sudoripare e la sua temperatura corporea è molto bassa – 30-32 ° C. In tempo caldo o freddo, diventa letargico; con un forte scatto a freddo, si iberna per un massimo di 4 mesi. Le scorte di grasso sottocutaneo le permettono, se necessario, di morire di fame per un mese o più.  Lemure di topo grigio Situato nei tropici, il Madagascar è difficile da sospettare in un clima così rigido che gli animali sono costretti a ibernare. Tuttavia, il lemure grigio topo è così tenero da ricorrere a questo meccanismo di adattamento, che è completamente atipico per i primati, durante l’inverno del Madagascar relativamente freddo e secco. Questi animali preferiscono mangiare da soli, ma riposano in compagnia dei loro simili. È interessante notare che per l’ibernazione solo le femmine si riuniscono in gruppi, ma i maschi trascorrono l’inverno in uno splendido isolamento.

    Jerboa

    Dall’inizio delle gelate notturne autunnali, i jerboas vanno in letargo nelle tane profonde con diverse camere di svernamento, non fanno scorte per l’inverno. 9. a sangue freddo Vertebrati a sangue freddo: anfibi (rane, tritoni), rettili (lucertole, serpenti) e pesci quando arriva il freddo, cadono in anabiosi (o intorpidimento), in cui tutti i processi interni rallentano così tanto che a volte un animale può essere confuso da morto. Lo stupore invernale si verifica quando la temperatura ambientale diminuisce. Gli animali si nascondono in luoghi appartati (nelle tane, sotto le fessure) e cadono in uno stato di torpore prima dell’inizio della primavera. Un altro tipo di torpore è “stupore estivo”. Gli animali vi entrano – i residenti dei paesi caldi, quando la vegetazione brucia. Ad esempio, le tartarughe steppe durante lo stordimento estivo “si prosciugano”, cioè perdono molta acqua. I seguenti tipi di tartarughe cadono in letargo: il Mediterraneo, l’Asia centrale, la tartaruga di Hermann e una tartaruga dentata.

    10. insetti

    Anche un gran numero di insetti va in letargo o anabiosi. Negli insetti, questo processo è chiamato “diapausa”. Prima dell’inizio del freddo, trovano luoghi appartati per se stessi, nascosti nel terreno, sotto la corteccia degli alberi, intasati negli angoli e nelle fessure, e cadono in un sonno profondo. Ad esempio, ragni, scarafaggi e farfalle si nascondono per l’inverno sotto la corteccia di alberi o ceppi, le api svernano nelle cavità. Ad ogni modo, con l’inizio della primavera e l’arrivo del caldo, tutti questi animali prendono vita, si risvegliano da un sonno profondo, lasciano i loro caldi rifugi invernali per iniziare un nuovo ciclo della loro vita.

    0 0 vote
    Article Rating

      Ultimi approfondimenti dall'Open Wiki di OpenVeterinaria

      Siamo anche su:

      0
      Would love your thoughts, please comment.x
      ()
      x